Materiali a Contatto con gli Alimenti

Materiali a Contatto con gli Alimenti

Per contenere, trasportare e servire i cibi vengono impiegati diversi tipi di materiali: carta, cartone, plastica, film accoppiati, vetro, porcellana, acciaio inox ecc.
Tutti questi materiali, se non sono prodotti ed impiegati in modo corretto, possono cedere agli alimenti con cui sono a contatto diverse sostanze. E´ importante quindi conoscere la composizione dei materiali da impiegare, la loro resistenza alle temperature e la compatibilità con il tipo di alimento che devono contenere al fine di prevenire eventuali cessioni di sostanze tossiche. Negli ultimi anni da parte del legislatore c'è stata una particolare attenzione a queste problematiche che ha portato ad aggiornare la normativa.

Fra le prime si annoverano il Regolamento comunitario CE 1935/2004 e la normativa nazionale D.P.R. 777 del 23.08.1982 e smi i cui principi di base stabiliscono che i materiali, prodotti conformemente alle buone pratiche di fabbricazione, siano sufficientemente inerti da escludere il trasferimento di sostanze ai prodotti alimentari in quantità tali da:

  • mettere in pericolo la salute umana
  • comportare una modifica inaccettabile della composizione degli alimenti
  • un deterioramento delle loro caratteristiche organolettiche
Lo Studio propone servizi volti a supportarVi nell' analisi e nella successiva valutazione dei rischi al fine di verificare i requisiti cogenti sia per i materiali che sono regolamentati in modo specifico sia per quelli che non lo sono.
La normativa in vigore richiede che ogni soggetto pubblico o privato, con o senza fini di lucro, che svolga attività connesse con qualunque fase della lavorazione, della trasformazione e della distribuzione dei materiali e degli oggetti sia in grado di dimostrare che i materiali e gli oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti non costituiscano un pericolo per la salute umana mediante l'implementazione dei 3 requisiti fondamentali:
  • analisi dei rischi documentata
  • manuale della qualità con procedure
  • sistema di rintracciabilità


BRC Iop

I nostri consulenti possono accompaganrVI verso un percorso di certificazione del prodotto MOCA conforme ai requisiti dello Standard BRC Iop.
Tali standard coprono in modo approfondito le tematiche dell'igiene e della sicurezza dei prodotti in tutta l'industria del packaging.

I produttori di imballaggi sono profondamente coinvolti nella catena del food ed hanno un ruolo importante per la sicurezza degli alimenti. Per consentire ai produttori di packaging di far fronte a tale responsabilità, questi standard forniscono indicazioni specifiche sulla cui base realizzare un sistema per la gestione della sicurezza ampiamente riconosciuto.

Queste norme fanno inoltre riferimento ai requisiti di “due diligence”* cui devono attenersi produttori, assemblatori, confezionatori e commercianti al dettaglio di imballaggi per alimenti.
Tutti i materiali che vengono a contatto con gli alimenti, soprattutto gli imballaggi, possono alterarne la sicurezza sia attraverso contaminazione sia per protezione inadeguata.

Lo standard BRC IoP, sviluppato da British Retailers in collaborazione con l'Institute of Packaging, e quello GMP FEFCO, sviluppato dai produttori di imballaggi europei, indicano i requisiti indispensabili per garantire la sicurezza alimentare applicando i principi HACCP (Hazard Analysis & Critical Control Points) e GMP (Good Manufacturing Practice) specifici per questo segmento del settore agroalimentare.

  • l'adozione di un sistema formale di analisi dei pericoli;
  • la realizzazione di un sistema di gestione documentato;
  • il controllo della produzione a livello di procedure, prodotti, processi e personale dedicato.

Menu